Ad memoriam

In ricordo di Giorgio Maria Ferlini.

martedì 20 settembre 2016

Dedicato a tutti coloro che non riescono a trovare (ancora) un lavoro…



Non crediate che avere una partita iva e arrivare in un ufficio lontano 50-70 km da casa, con l’agenda tappezzata di impegni a “macchia di leopardo” significhi crogiolarsi sugli allori perché si ha un lavoro.

Ho la mail costantemente sintonizzata sui job alert cui mi sono iscritto e creato per valutare e rispondere ad eventuali incarichi o mansioni (vacancy, in gergo tecnico) di posizioni aperte. A 44 anni rispondo regolarmente ad annunci, mi candido, sistemo la mia lettera di presentazione ed il mio curriculum. Ogni tanto qualcuno mi chiama e di tanto in tanto mi contattano per un colloquio. 

E così è successo a luglio: noto un annuncio interessante, rispondo, seguo le indicazioni del sito per completare la mia iscrizione e vengo convocato per un colloquio formale per conoscersi. Da quell'incontro ne è nata questa intervista coi colleghi di QJOB, che in questa sede pubblicamente ringrazio per la professionalità, la serietà e la competenza dimostrata. Qualità che potrete vedere anche voi di persona (http://www.qjob.it/blog/trovare-lavoro-intervista-a-bruno-marzemin/). Grazie Silvia, grazie Federico!

Dateci una letta: sono sorte delle riflessioni molto interessanti in merito a quelle distorsioni mentali che abbiamo sul modo di cercare e trovare lavoro (chiamate in gergo “bias”).

…e alla fine della lettura tornate su, e date un’occhiata su “Offerte di lavoro”. Da cosa nasce cosa: sia mai che tra quelli annunci cerchino proprio voi!

Buona lettura e buona ricerca!